Piscine di Adria, corsi di nuoto, sport e relax  

Promozione: Adria Nuoto - De Akker Team Bologna Gara 1 Fase Finale

ADRIA NUOTO – DE AKKER TEAM BOLOGNA 7-11

(1-4; 1-1; 2-3; 3-3)

ADRIA NUOTO: Vicentini (Portiere), Lanzoni, Fumana A., Trovò (2), Marzolla (1)©, Giolo, Drago(2), Carlin, Stoppa (1), Duò (1), Biga (1), Saggia. All: Vecchiatini

DE AKKER TEAM: Savioli (Portiere), Stefanelli (2), Gozzoli (2), Odorici M. (1), Maestri (1), Bonzaghi (1), Giorgi (1), Trondoli, Rocca, De Leonibus (3), Bravetti D., Odorici N., Malandriello. All. Veronesi

ARBITRO: Venerio

 

La De Akker Bologna si aggiudica gara 1 della finale valevole per la promozione in serie C nel campionato di pallanuoto serie D - Emilia Romagna.

Partono forte come al solito i felsinei che trovano la rete dopo pochi secondi grazie all’esperto centroboa Stefanelli al quale rispondono quasi immediatamente il giovane centroboa biancorosso Biga e il portiere Vicentini capace di respingere un tiro di rigore. Bologna però, come evidenziato nel girone di regular season, si dimostra una squadra molto preparata e chiude il primo parziale in vantaggio di tre reti.

Il secondo quarto si apre con Adria che accorcia le distanze grazie ad una rete di Stoppa che sorprende gli avversari in situazione di superiorità numerica. Di nuovo Stefanelli concede il momentaneo massimo vantaggio agli ospiti.

Nel terzo parziale la De Akker trova un ulteriore allungo, nonostante il giovane capitano di casa Marzolla avesse riavvicinato nel risultato i suoi, coadiuvato da un goal di Duò.

Difese traballanti e attacchi scatenati danno vita ad uno spumeggiante quarto tempo che si chiude con un punteggio parziale di 3 pari, a segno Drago e Trovò con una doppietta, che consente a Bologna di arrivare a giocare gara 2 tra le mura amiche forte di un vantaggio di 4 reti.

“Siamo stati sconfitti, ma ho avuto dimostrazione di una ottima prova di carattere da parte dei miei ragazzi che non hanno mai mollato” commenta coach Vecchiatini, “Anche oggi purtroppo una serie di piccoli errori ci sono costati cari; l’obiettivo ora rimane quello di complicare la strada ai nostri avversari, ai quali vanno i miei complimenti”.